NUOVE ALLEANZE | 23 giugno

NUOVE ALLEANZE
D/A/C – denominazione artistica condivisa
artists VS entrepreneurs

Venerdì 23 giugno 2017 ore 18.00
Fondazione META di Alghero,
Sala Conferenze Lo Quarter, Largo Lo Quarter, 1 – Alghero

Il 23 giugno alle ore 18.00 ad Alghero, presso la Fondazione META , si aprirà il ventesimo incontro D/A/C (denominazione artistica condivisa) in cui artisti, ricercatori e
imprenditori si confronteranno sul rapporto fra arte, scienza, formazione e innovazione sociale e, più in generale, sul tema dello sviluppo territoriale su base culturale.
Partecipano:
Francesca Arras (Tamalacà); Stefano Cucca (Rumundu Social Innovation School); Domenico D’Orsogna (Università di Sassari / Decamaster); Massimo Faiferri (Università di Sassari / Dadu); Elda Felluga (Livio Felluga / Vigne Museum) con accompagnamento di un estratto del video documentario realizzato da Luigi Vitale; Fabrice Hyber (artista); Carlo Mannoni (Fondazione di Sardegna); Antonio Solinas (Abinsula); Donatella Spaziani (artista); Dora Stiefelmeier (RAM radioartemobile / Fondazione No Man’s Land)

Modera: Giovanna Felluga (D/A/C, AtemporaryStudio)

L’incontro di Alghero é organizzato in collaborazione con “Nuove Alleanze” – un programma di incontri interdisciplinari del Decamaster /Master in Diritto ed Economia per la Cultura e l’Arte dell’Università di Sassari – e nell’ambito del progetto SENTIERI CONTEMPORANEI, palinsesto itinerante di dialogo ed interazione tra arte, scienza e formazione promosso da Fondazione di Sardegna, Decamaster/Uniss e Zerynthia, Associazione per l’Arte Contemporanea, in collaborazione con la Fondazione META di Alghero, Associazione Time in Jazz e Rumundu Social Innovation School.
D/A/C – è un progetto itinerante creato da RAM radioartemobile nel 2012, che ha visto coinvolti ad oggi più di 100 personalità tra imprenditori, artisti e operatori culturali.

Lo slogan di D/A/C è “artista sponsor d’idee“, rivolto a quelle aziende che, grazie alla rincorsa di una visione alternativa e innovativa aprono le porte all’arte contemporanea per diventare riferimento ed esempio per un miglioramento consapevole della società.
In che modo aziende vicine al mondo della ricerca e della formazione, direttamente o indirettamente connesso all’ambiente e al paesaggio, grazie alla condivisione di un pensiero straordinario come quello degli artisti, riescono a fare innovazione, produrre economia e soprattutto creare coscienza critica nel territorio in cui operano?

La tavola rotonda avviene in concomitanza con il finissage della mostra In-Giro, Ruote, cerchi e biciclette d’arte e di No Man’s City / La Città di Tutti, l’installazione site specific di Yona Friedman con Jean-Baptiste Decavèle, ospitata nel cuore del centro storico della città dal 3 maggio al 30 giugno 2017.

Il “viaggio” di No Man’s City / La Città di Tutti proseguirà nel mese di agosto a Berchidda, con la partecipazione al Festival Time in Jazz e, da settembre in poi, nella sede storica dell’Università di Sassari.

info@radioartemobile.it |  www.dacmeetings.com

PARTECIPANTI:
Interverranno per l’occasione gli artisti: Fabrice Hyber e Donatella Spaziani, attualmente protagonisti ad Alghero perché invitati ad esporre all’interno della mostra collettiva In-Giro / A Round curata da Zerynthia Associazione per l’Arte Contemporanea nell’ambito del progetto Sentieri Contemporanei.
A rappresentare il mondo dell’economia e dell’impresa: Francesca Arras, architetto e urbanista fondatore di Tamalacà – Spin-off sostenuta dall’Università degli Studi di Sassari e start-up innovativa che sviluppa interventi e azioni per migliorare la qualità della vita urbana e rendere la città realmente a portata di tutti; Stefano Cucca ideatore di Rumundu Social Innovation School, che, attraverso percorsi di formazione non convenzionale, punta alla creazione di progetti e modelli di impresa con impatto positivo sulla società e sul territorio; Antonio Solinas, direttore R&D&It di Abinsula azienda sarda leader nel settore dell’information technology; Elda Felluga, responsabile delle relazioni esterne e co-titolare insieme ai fratelli Maurizio, Andrea e Filippo dell’azienda Livio Felluga che nel 2014 ha realizzato il Vigne Museum di Yona Friedman con Jean-Baptiste Decavèle per i 100 anni dell’omonimo fondatore, patriarca dell’enologia friulana. Il Vigne Muaseum è esempio concreto di D/A/C project e per raccontarlo al pubblico presente sarà presentato un breve estratto del video documentario di Luigi Vitale che racconta le sue fasi di sviluppo e montaggio nella campagna di Rosazzo (Ud); Massimo Faiferri, architetto, docente di composizione architettonica e urbana nell’Università di Sassari e direttore di “ILS – Innovative Learning Spaces”; Carlo Mannoni, segretario generale della Fondazione di Sardegna, ente senza finalità dilucro che svolge un ruolo centrale nel sostegno dello sviluppo economico-sociale dell’isola e nella promozione dell’arte e della cultura contemporanea; Dora Stiefelmeier, presidente di RAM radioartemobile e socio fondatore della Fondazione No Man’s Land, presieduta a titolo onorario da Yona Friedman.

Animatore di questa incursione artistica ad Alghero é il giurista Domenico D’Orsogna, professore ordinario di diritto amministrativo e di diritto dell’arte e della cultura nell’Università di Sassari, direttore scientifico di Decamaster e coordinatore del progetto Sentieri Contemporanei.

A moderare l’incontro Giovanna Felluga di AtemporaryStudio, art advisor, coordinatore artistico del Vigne Museum e mediatore culturale, con RAM radioartemobile, del progetto D/AC/ dal suo inzio.