Museo Archeologico della Città

Museo Archeologico della Città - Via Carlo Alberto, 72, Alghero, SS, Italia

Telefono:
079 9734045 | 339 4687754

Email:
[email protected]

Il Museo Archeologico della Città conserva le più antiche testimonianze della presenza dell’uomo nel territorio, dal periodo proto-storico, all’epoca nuragica, al periodo fenicio e romano.
Un percorso espositivo che si articola intorno a tre temi particolarmente significativi per Alghero ed il suo territorio: Il mare, I modi dell’abitare, Il mondo del sacro.

Il museo sorge su via Carlo Alberto, nel cuore della città antica.

È ospitato in un edificio recentemente ristrutturato ed un tempo sede di un complesso monastico annesso alla Chiesa di San Michele.

Il mare (Piano I, Sezione I)
Il Villaggio Nuragico di Sant’Imbenia; Il Relitto romano del Mariposa; Il Relitto medievale di Cala Galera; I Relitti post medievali del Mariposa; La Città fortificata.
Riguarda i siti di interesse archeologico più rilevanti per il loro rapporto con il mare.
Per il periodo protostorico, il villaggio nuragico di Sant’Imbenia, nella baia di Porto Conte, rappresenta il più antico scalo marittimo fenicio ed in generale di genti levantine, non solo del nord Sardegna, ma dell’intera Isola. Il villaggio infatti, sorto intorno al XIV sec. a.C., tra IX e VIII secolo divenne sede di importanti traffici con il mondo orientale, come testimoniano rare ceramiche di importazione greche e fenice che saranno esposte insieme alla raffigurazione grafica delle principali rotte commerciali del periodo. Le attività metallurgiche del villaggio sono documentate dalla ricostruzione in vetrina di una sezione della cosiddetta “capanna dei ripostigli”, con due pavimentazioni sovrapposte, al di sotto delle quali sono esposte anfore contenenti lingotti di bronzo per la fusione, così come ritrovati durante lo scavo archeologico.
Per l’epoca romana, l’esposizione dei resti di un relitto di età imperiale rinvenuto nelle acque del Lazzaretto illustra i principali vettori dei traffici commerciali del periodo. Nella ricostruzione in vetrina del fondale marino sono state collocate le anfore facenti parte del carico e che trasportavano pesce sotto sale; sono inoltre esposte ceramiche da mensa, strumenti e dotazioni di bordo, parti lignee e metalliche della nave, tra cui la pompa di sentina di piombo. Un pannello illustra le caratteristiche del relitto e le rotte marittime per esso ipotizzabili.
Per il medioevo, le stesse tematiche sono illustrate dai resti del relitto di XIII secolo rinvenuto nelle acque di Cala Galera. Nella ricostruzione del fondale in vetrina è esposto lo straordinario carico dell’imbarcazione, costituito da anfore costolate e grandi giare islamiche a decorazione impressa, in gran parte ricostruibili, uniche in Sardegna, e decisamente rare anche nella Penisola. Accanto alle merci del carico, una grande quantità di corallo, ceramiche e strumenti della dotazione di bordo. È stato realizzato anche un modellino del tipo di imbarcazione.
Per l’epoca post medievale, un analogo allestimento ha per oggetto i resti di due relitti del XVI secolo, provenienti dal mare antistante il campeggio Mariposa, alle porte della città.
Anche in questo caso sono stati esposti elementi del carico e della dotazione di bordo, tra cui ceramiche rivestite, strumenti metallici e di osso, contenitori vegetali per la pece, cime ed armi, ma anche parti del fasciame di legno, anche con decorazioni.
Il percorso sul tema del mare si conclude con la nascita della città fortificata medievale: un plastico mostra lo sviluppo e le modifiche della cinta muraria fino al ‘700 e il suo rapporto con il mare.

I modi dell’abitare (Piano I, Sezione II)
Le Grotte del Neolitico; La Capanna Neolitica; Il Villaggio di Palmavera; Il Nuraghe di Flumenelongu; La Villa romana di Sant’Imbenia; La Città Medievale.
Il secondo tema, i modi dell’abitare, è inteso nella pluralità delle accezioni del termine, comprendendovi l’evoluzione delle tipologie e delle tecniche costruttive delle abitazioni, la distribuzione degli insediamenti, il loro rapporto con il territorio e con l’ambiente, i vari aspetti della vita quotidiana nelle diverse epoche.
Il percorso si apre con le più antiche testimonianze di vita, animale e umana, nel territorio:
un pannello illustra la presenza e la distribuzione di esemplari di fauna pleistocenica (megaceros cazioti algarensis e cynoterium sardus), per proseguire con i primi stanziamenti umani in grotta, probabilmente in gran parte a scopo abitativo, nel neolitico antico all’eneolitico; una vetrina accoglie ceramiche provenienti da questi contesti, in particolare quello della Grotta Verde, con testimonianze riferibili al neolitico antico. Una vetrina espone una ricca dotazione di ceramiche, di estremo interesse, anche per la particolarità delle decorazioni impresse e incise, che costituivano il corredo delle sepolture.
Dopo le grotte, un plastico che riproduce una capanna neolitica, ricostruita sulla base delle planimetrie di domus de janas che ad esse si ispiravano: nello specifico la capanna ripropone le caratteristiche planimetriche della domus I di Santu Pedru.
Per l’età nuragica il tema è rappresentato dal nuraghe Flumenelongu e in particolare dal villaggio di Palmavera, tra i più noti e visitati dell’Isola. Le caratteristiche urbanistiche dell’insediamento e le tecniche costruttive degli edifici sono illustrate attraverso disegni ricostruttivi, campionature dei tipi di conci utilizzati nell’architettura nuragica, ed un plastico della Capanna delle Riunioni, il più importante edificio “pubblico” del villaggio di Palmavera.
Due vetrine espongono inoltre oggetti della vita quotidiana, quali ceramiche, strumenti metallici d’osso e terracotta, per raccontare le principali attività degli abitanti, dalla preparazione del cibo, alla pesca, alla tessitura, nonché resti di fauna, per ricostruire l’ambiente naturale, le attività di allevamento e caccia, la dieta alimentare.
La grande villa marittima di Sant’Imbenia illustra il tema per l’età romana, con la ricostruzione di parte di un interno mediante l’esposizione di grandi parti di stucchi, intonaci dipinti, mosaici dell’edificio, che ben evidenziano la grandiosità e il lusso della residenza signorile.
Per il medioevo e l’età moderna, i recenti scavi urbani permettono di illustrare, a partire dalle abitazioni del quartiere ebraico, lo sviluppo della città, documentandone il rapporto con il territorio, le relazioni commerciali, le principali attività, anche attraverso l’esposizione di oggetti della vita quotidiana e grandi disegni ricostruttivi.

Il mondo del sacro e della morte (II Piano)
Calchi protomi taurine delle domus de janas; Dee madri; La Necropoli di Anghelu Ruju; La Necropoli di Santu Pedru; Il Pozzo sacro nuragico della Purissima e culti romani salutiferi; Le Stele funerarie; Le Sepolture della Necropoli romana di Monte Carru; Le Sepolture medievali del cimitero di San Michele (“Lo Quarter”).
L’ultima sezione riunisce i temi dei culti e della morte, strettamente legati tra loro.
Il percorso si apre con i culti e le sepolture neolitiche ed eneolitiche delle domus de janas di Anghelu Ruju e Santu Pedru, per illustrare la complessità dei riti, delle tipologie funerarie, e dei simboli ivi rappresentati. Esposizione in vetrine di reperti originali e di copie di elementi particolare interesse conservati presso il Museo di Cagliari.
I simboli maschili rappresentati dalle corna taurine delle domus trovano il loro corrispondente femminile in alcune dee madri, di cui una esposta in una piccola vetrina.
Per l’età nuragica, la ricostruzione del prospetto frontale del pozzo della “Purissima” mostra l’aspetto del principale tipo di monumento cultuale dell’epoca: il tempio a pozzo. Nell’esposizione è presentato il materiale votivo, raffigurante per lo più parti anatomiche e figure umane, collocato secondo la deposizione originaria. Una vetrina con altri importanti reperti, quali statuette e maschere, illustra gli aspetti rituali legati al “culto delle acque”. Lo stesso contesto, con i suoi riutilizzi, introduce il tema del sacro per l’età romana, in cui il pozzo persiste nella sua funzione di deposito di acque dalle virtù terapeutiche.
Per l’età romana, le diverse tipologie di sepolture e di riti, pagani e cristiani, sono illustrate mediante disegni, ma anche attraverso l’esposizione di alcune stele funerarie di arenaria di tradizione punica, e la ricostruzione con elementi originali di una tomba a cassa e di una sepoltura in anfora, mentre alcune vetrine accolgono reperti ed altri elementi di ornamento personale provenienti dal recente scavo della necropoli di Monte Carru. Per il medioevo disegni ricostruttivi e materiali esposti in vetrina sono dedicati al recentissimo ritrovamento del cimitero urbano di San Michele (nel centro storico, confinante con l’omonima chiesa e adiacente alla sede del Museo) del quale si illustrano le principali caratteristiche.

Info TARIFFE

INGRESSO SINGOLI € 5 | Per ingresso singoli si intende il singolo visitatore

INGRESSO RIDOTTO € 4 | Gruppi minimo 20 persone (su prenotazione)
Scolaresche minimo 15 studenti (su prenotazione)
Tariffa Young (dai 14 ai 18 anni)

BIGLIETTO FAMIGLIA
Tariffa ingresso intera per i due genitori e ingresso gratuito fino a tre figli (fino a 14 anni).
Si specifica che per ogni figlio in più oltre il terzo è necessario l’acquisto di un biglietto a tariffa ridotta.
Il biglietto Famiglia è valido per tutti i musei e mostre e torri eccetto che per le grandi mostre e per le Grotte di Nettuno per i quali verranno organizzati dei Family Day appositi con offerte speciali.

Orario di apertura dalle 11 alle 13.30 | dalle 17.00 alle 20.00

 

 


Inserito in Cultura

Calendario Eventi

« luglio 2018 » loading...
L M M G V S D
25
26
27
28
29
30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
lun 23

Persea design di Bardino Monica

luglio 13 @ 9:30 - luglio 23 @ 23:30
lun 23

Sfero e Caos – personale di Alessia Biscarini

luglio 20 @ 18:00 - luglio 29 @ 23:30
lun 23

Atlas – Il mondo in un armadio | Teatro Silfo

luglio 23 @ 18:00 - luglio 25 @ 22:00
gio 26

Birralguer – Sardinia Craft Beer Festival – X edizione

luglio 26 @ 18:00 - luglio 28 @ 23:30

Ufficio Informazioni turistiche

Ufficio di Informazioni Turistiche della Città di Alghero
The Official Tourist Centre of Alghero

Largo Lo Quarter - 07041 Alghero (SS)
+39 079.979054 +39 079.974881
[email protected]

Lun.- Sab./ Mon - Sat: 8 - 20
Dom. E Fest/Sun and Holidays: 10 - 13 | 17 - 20

Instagram Alghero Turismo

  • Lalbero di Natale di Piazza Porta Terra ad Alghero immortalato
  • Tra le bellezze naturali pi importanti del nord Sardegna troviamo
  • I riflessi nelle calme acque del porto e il gioco
  • Sul promontorio di Capo Caccia nellestremit nordoccidentale della Sardegna a
  • Un periodo diverso in cui vivere il mare di Alghero
  • Riscoprire la storia a pochi passi da un mare meraviglioso?
  • Tramonti wow a lAlguer
  • Quei tramonti che restano nel cuore di chi visita lAlguer

Fondazione ALGHERO

logo-Fondazione-Alghero-360x172

© 2018 Fondazione Alghero
Largo Lo Quarter - 07041 Alghero (SS)
(+39) 079 97 90 54 | (+39) 079 97 48 81

P.IVA 02410750901