Percorso espositivo tra architettura e cinema

Un progetto della Regione Autonoma della Sardegna, Ass.to alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport in collaborazione con Comune di Alghero, Fondazione META, Ass.ne MASTROS, Società Umanitaria Cineteca Sarda

Sala Mostre Lo Quarter (II piano)

Antoni Simon Mossa 1916 -2016 | Percorso espositivo tra architettura e cinema

Ci sono tra l’arte del reale – l’architettura – e quella della rappresentazione del reale – il cinema – delle attrazioni reciproche che sono testimonianza di una comune e allo stesso tempo diversa relazione nel rapporto tra spazio e immaginario.

Il cinema per Simon Mossa è la grande passione attraverso cui egli può cogliere gli istanti, le espressioni e le situazioni di cui il suo lavoro di architetto si nutre, attraverso l’esplorazione curiosa dell’ambiente umano e urbano e denotando quell’occhio aperto che lega la Sardegna al mondo.

All’architettura, disciplina dal linguaggio universale in cui “lo spazio imprigionato si identifica col tempo”, egli affida le speranze per la rinascita dell’isola.

La mostra costituisce un percorso visivo in cui l’accostamento delle due arti lascia intravedere la possibilità di scorgere quei legami tra forma e tempo che caratterizzano la complessità della figura dell’architetto e del cineasta.

La sezione dedicata ad Antoni Simon Mossa architetto, curata dall’Associazione Mastros, ripercorre le tracce del suo percorso professionale, partendo dai primi progetti realizzati ad Alghero fino alla collaborazione con il gruppo di architetti incaricato di redigere il piano della Costa Smeralda. Saranno esposti alcune delle opere originali di Antonio Simon Mossa, modelli inediti e mai presentati al pubblico, frutto di un ampio lavoro di ricerca e archiviazione di cui l’Associazione Mastros è unica depositaria.

Nel percorso dedicato al Cinema, curato dalla Cineteca sarda della Società Umanitaria, il visitatore/spettatore sarà condotto nel “ventre dell’architetto”, luogo della visione, del sogno e dell’incanto che, attraverso una videoinstallazione, testimonia il legame intimo e viscerale tra Antoni Simon Mossa e Alghero.

La mostra è una delle azioni del progetto promosso dalla Regione Autonoma della Sardegna, Ass.to alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport nell’ambito dei finanziamenti sulla L.R. del 20 settembre 2006, n.14, art.21 comma 1, lett. s) e legge regionale 11 aprile 2016, n.5, art.9, comma 25, lett.c) – “Manifestazioni celebrative di figure di protagonisti della storia e della cultura della Sardegna” in collaborazione con il Comune di Alghero, la Fondazione META, l’Associazione MASTROS e la Società Umanitaria Cineteca Sarda.

L’accoglienza e le visite guidate alla mostra sono organizzate in collaborazione con il Liceo Classico G.Manno – Istituto E.Fermi nell’ambito dei progetti di Alternanza Scuola/Lavoro.

La mostra è visitabile dal 1 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017

Orari di apertura: 10-13/17-20 | ( chiusura il 25 dicembre | 1 gennaio apertura solo pomeridiana 17/20)